giovedì 4 maggio 2017

Mettere ordine

Non so se è stato l'inverno gelido o se sono arrivata ad un punto nel quale, tutta la stanchezza , il dolore, la paura, la confusione, gli errori, gli scivoloni, la solitudine e il vuoto nella mia vita in questi ultimi anni, stanno finalmente venedo a galla.
Ma pensare mi costa, uscire a fare la spesa mi costa. Pulire la casa mi costa. Accendere le stufe è una fatica immane.
Tutto è troppo.
E' più che troppo. E' senza senso.
Non vedo l'ora che la parentesi toscana sia alle spalle.
Dopo di che mi troverò nel silenzio a fare i conti con me stessa. Con il passato che non riesco a lasciare andare, con il futuro che non ha ancora forma. Con i pensieri turbinosi che sono i padroni incontrastati della mia mente anche nei momenti in cui vorrei essere in pace. Con gli incubi che ancora popolano le mie notti sul vuoto tremendo lasciato dalla mia famiglia. Con il mio desiderio di pace che non riesco a soddisfare perché devo crearla dentro, non cercarla fuori.
Sarà, quello, il momento per mettere ordine. Finalmente. Spero.


Nessun commento:

Posta un commento