giovedì 23 febbraio 2017

Della Felicità e le sue Cause (non ci sono pasti gratis)

C'è una preghiera buddhista che dice: possano tutti gli esseri avere la felicità e le sue cause.
Perché per essere felici, bisogna aver posto le basi di questa felicità, con azioni positive, condotta morale corretta, generosità, impegno, saggezza...

L'assunto "non ci sono pasti gratis" è vero anche e soprattutto a livello profondo.

Un esempio banale:
Ricordo la felicità che ho provato quando mi sono potuta comperare il cane dei miei sogni con i soldi che avevo risparmiato in un anno. Per un bambino di dieci anni, un anno è un orizzonte temporale lunghissimo.
Per un anno non mi sono comperata NIENTE. Ho letto e riletto i libri che avevo (e cominciato a scavare nella fornitissima biblioteca dei miei genitori i classici che mamma considerava comprensibili), non ho più comperato il Corrierino dei Piccoli (topolino arrivava gratis da uno zio che lavorava in Mondadori), ho rinunciato ai giocattoli di Natale e compleanno in cambio del corrispettivo dei regali in soldi e ho ampliato le mie incombenze in casa per ottenere un aumento della paghetta settimanale.
Il nonno Giovanni avrebbe voluto regalarmi il cane e via. Adorava fare queste cose con i nipoti. Ma mamma non ha accettato. Voleva che il cane arrivasse solo se VERAMENTE voluto e con l'impegno da parte mia di prendermene cura davvero.
Un animale non è un capriccio.
Così dopo circa un anno, ho potuto diventare l'orgogliosa proprietaria di un piccolo spitz: Iro. E' stata una delle grandi emozioni della mia infanzia. Era proprio mio e io ero la sua "mamma", dovevo occuparmente perché lui era la mia gioia ma anche la mia responsabilità.
Per me, le due cose, gioia e responsabilità, sono sempre andate a braccetto.

Ogni cosa di valore nella vita non arriva per caso, bisogna guadagnarsela. E, a volte, è veramente durissimo reggere. Ma quello che ci arriva quando abbiamo la consapevolezza di essercelo meritato è fantastico, è veramente una gioia incredibile.
Per questo, sono convinta, l'insoddisfazione è un tarlo che rode la nostra società.
Perché con la scusa di rendere le cose facili hanno tolto valore a tutto. Hanno tolto il gusto dell'impegno, il gusto di "farcela". In questo, il permissivismo della nostra società, non solo non permette alle persone di valore di emergere, ma condanna al grigiore di una vita senza ideali, senza vittorie e senza vere gioie una grande massa di persone.
Quello che, dentro, profondamente, sappiamo di non esserci meritato, non dà gioia vera, ma solo una devastante insoddisfazione. E per colmare questa insoddisfazione vogliamo ancora, e ancora e ancora. E siamo sempre più infelici, ma di una infelicità tremenda, senza riscatto, perchè, profondamente, sappiamo che non abbiamo posto le cause per avere la felicità.

In questi giorni sto attraversando una delle mie crisi violente da mancanza di Dario. Sto malissimo. Eppure, in fondo in fondo, so che ne verrò fuori. Perché voglio venirne fuori.
E, chissà, forse un giorno riuscirò anche a mettere le cause per essere di nuovo felice. Ma se ci riuscirò, sarà solo perché io ho reagito e cercato la strada. Non sarà qualche cosa che altri mi regalano.

Possano tutti gli esserei senzienti avere la felicità e le sue cause.
...ma lo auguro, per tutti noi, dal profondo del cuore.
Buona giornata, con affetto
Niki

Nessun commento:

Posta un commento