giovedì 16 febbraio 2017

Addio alla lotta...

Fin da bambina ho avuto un forte senso della giustizia. E, anche se ero fragile, non mi sono mai lasciata intimidire e ho sempre cercato di perseguire i miei ideali.
In questi ultimi 20 anni mi sono sempre tenuta informata, ho sempre cercato di capire cosa stava succedendo. Ho anche studiato economia, perché, ad un certo punto, mi sono resa conto che solo capendo l'andamento economico avrei potuto capire qualcosa, veramente, del mondo.
Ho studiato, valutato, ragionato, letto, discusso. Mi sono formata un'opinione su molte cose.
Ho cercato di spiegare, di mettere a disposizione di chiunque fosse interessato quello che avevo imparato.
Ma sono arrivata al limite.
La china che il mondo ha preso, con così tanti strati di menzogne che è ormai impossibile chiamare qualcosa "verità", con la moralità generalmente vista come un'anticaglia da abbandonare, oppure usata in modo distorto, senza reale comprensione del suo significato, e con una tendenza su scala mondiale verso forme più o meno evidenti di totalitarismo, mi ha sconfitta.
Quando il caos arriva al culmine non si cerca di combatterlo, si rischierebbe di portare, sia pure con le migliori intenzioni, altro caos.
Nemmeno lo si accetta, facendosi fagocitare.
Ci si ritira. Aspettando che passi la nottata, aspettando una nuova alba.
Così io mi ritiro.
Continuerò a guardare le cose che accadono, cercando di tenermi lontana il più possibile, anche emozionalmente. Lascerò che le cose scorrano come il karma collettivo le farà andare. E dedicherò le mie forze a quello che so fare meglio: prendermi cura delle persone. Scrivendo per intrattenerle o cercando di insegnare loro un modo più corretto di prendersi cura della loro salute con il cibo. Mettendo in queste cose tutto l'amore di cui sono capace.
Senza giudicare, senza aspettarmi risultati, facendolo perché è la cosa giusta da fare.
Non mi aspetto grandi cose. Non so nemmeno se vedrò l'inizio di una nuova alba di speranza. Ma non  posso sprecare la mia vita, nemmeno un secondo. Così oggi dico addio al mio aspetto "impegnato". Muore una Niki, ne nasce un'altra.
Spero sia più gentile e compassionevole della vecchia Niki, perché solo attraverso la gentilezza e la compassione si arriva alla pace.
Buona giornata a tutti, con affetto
Niki

2 commenti:

  1. Sei una grande Niki, ogni volta che esci da una situazione, ne esci sempre più forte e saggia. Perché sei una buona Niki, una persona splendente. Ti abbraccio forte !!

    RispondiElimina
  2. Ciao Vitty! Non so se sono così buona e nemmeno se esco sempre più forte, come sapete bene tutti ho i miei bei momenti di sconforto. E' che sono qui, e devo andare avanti, e allora, tanto vale farlo per qualcosa che conta no?
    Abbracci
    Niki

    RispondiElimina