martedì 17 gennaio 2017

Di ritorno a casa

Torno dalla Toscana. Giorni bellissimi. Lavoro intenso, bella gente, bei risultati (non miei...di Dawa! Ma è bellissimo uguale!).
Per strada, fino ad Ovada, un vento tremendo. E' riuscito perfino a spostare un camion davanti a noi!
Lasciato Dawa a casa sua, proseguo per le mie montagne.
Le amo. Le mie montagne.
Lo so che la Toscana è bella. Ma per qualche strana ragione io, in queste montagne che non sono legate al mio passato, mi sento a casa.
Le vedo. Sorrido.
Arrivo.
Fuori -5.
In casa... +5.
Accendo la stufa a pellet....e la bastarda non parte. Che poi, per farla ripartire, tra una cosa e l'altra ci va 1 ora.
Accendo la stufa a legna e butta fuori una marea di fumo.
Me lo ha spiegato un'amica geometra (ma in gamba eh!). Ho l'exhaust, come si dice in italiano, mannaggia, insomma, il camino della stufa che è troppo lungo. Al piano di sopra c'è un ...piano che volevano fare, ma che hanno lasciato al rustico, con finestre tappate alla bell'è meglio, con delle assi... Per cui quando le temperature sono moooolto basse, il tubo che fa da camino alla stufa, non si riscalda e manda giù il fumo (quando il calore nel tubo aumenta butta giù un liquido nerastro e puzzolente, risultato della condensa + fumi). Quando siamo solo intorno ai -2 l'ambaradan va benissimo. NO fumo, no liquidi puzzolenti.
A -5....fumo e dopo liquidi puzzolenti. Si sa. E' Samsara.

Insomma.
Arrivo a casa dopo tre bellissimi, ma stancanti, giorni di lavoro (per giorni si intende uno dalle 5 a.m. alle 20 p.m. non stop, con 500 km di guida nella prima parte. Il secondo dalle 8 a.m. alle 22 p.m. E il terzo dalle 8 a.m. ....fino a quando sono arrivata a casa alle 4 p.m. con 500 circa km in mezzo. :D
E non mi parte la #@[@#ˆ¡@# di stufa a pellet...che poi, per farla ripartire, tra spegni eriaccendi, ci va 1 ora buona.
Quella a legna manda fumo. Tanto. Tipo "nebbia forte in Val Padana".
Me, io, sono stanca, sporca (non ho fatto docce per tre giorni per motivi di logistica) e affamata (Dawa mi voleva cucinare un pranzo ma io SAPEVO che mi aspettava l'ordalia delle stufe e ho declinato l'invito).

.... tre ore dopo.
La cucina è a 11 gradi. La camera da letto, ancora fumosa, a 8. Io me, dopo due bicchieri di rosso, sono cotta... ma ancora non posso fare la doccia.

Eppure. Mi sento allegra. Ho usato tre giorni della mia vita per stare con la gente...e...fare una differenza!

Buona serata
con amore
Niki



Nessun commento:

Posta un commento