domenica 11 settembre 2016

Ribelli si Nasce

Quando ero giovane avevo buon cuore e senso di responsabilità. Non ho mai abbandonato una persona bisognosa di aiuto, ma, spesso, ho sbagliato in buona fede perché ero troppo egocentrica.
Nessuno mi aveva spiegato che a volte, per vincere, bisogna lasciare la vittoria agli altri.
Nessuno mi aveva insegnato che la disciplina morale è il fondamento della libertà, quella vera.
Nessuno mi aveva mostrato che le emozioni non sono altro che legami che ci inchiodano alla sofferenza, che per essere felici bisogna saperle superare.
Ci è voluta una vita di sofferenze, gioie, impegno, cambiamenti anche drammatici e spesso violenti, di dolore, di amore e di insegnamenti di Dharma per arrivare a queste semplici verità.
Per cominciare a cercare, poco alla volta, di integrarle nel mio quotidiano.
Senza queste fondamenta io non saprei vivere, adesso, con tutto il dolore che mi è franato addosso. Non potrei aiutare le persone che si rivolgono a me. Non potrei nemmeno sorridere e rigioire di una giornata di sole o di una tazza di buon tè, scuro e bollente.
Sarei un'ombra di me stessa, devastata dal dolore atroce della mia perdita e inchiodata da un corpo che non funziona (da sempre) molto bene, ma che adesso è davvero diventato un disastro.
La libertà è uno stato della mente. E si comincia a percorrere la strada che ci porterà a raggiungerla praticando con impegno costante: moralità, pazienza, generosità, concentrazione (che va e viene, ma va cercata con determinazione e senza stancarsi) e saggezza (che all'inizio è la grande assente ma che poi, piano piano, fa capolino). Mi rendo conto che scrivendo queste parole parlo di cose impopolari, fuori moda. Che adesso si crede che libertà voglia dire poter fare tutto, anche quello che ci nuoce gravemente, concentrarsi su sè stessi e sulle mode comportamentali. Ma andare contro corrente, contro le ipocrisie imperanti, anche se mi è sempre costato molto, non è mai stato un problema per me, quando ero convinta di perseguire la strada giusta. Ribelli si nasce. 

1 commento:

  1. quando il dolore è immenso è difficile pensare che un giorno si possa gioire di una giornata di sole

    RispondiElimina