mercoledì 13 gennaio 2016

Piano piano veloce veloce

Una volta in Tibet eravamo su un pulmino scassatissimo con un'autista matto come un cavallo. E tutti i tibetani gli urlavano kalè kalè! Piano, piano!
E lui correva sugli strapiombi rifacendoci il verso. Senza darsene per inteso.

La mia mente in questo anno e mezzo faceva come l'autista tibetano. Le dicevo, vai piano, fai le cose con calma, datti tempo! Kalé kalé!
E lei mi rispondeva, certo, vado piano, però c'è questo, però c'è quello. Kalè, kalè...si si, dopo.

Così praticavo a vanvera, lavoravo caoticamente, sempre stressandomi, sempre in ritardo. In ritardo con chi? Si, vero, i soldi finiscono. Non c'è tempo da perdere... Però si può affrettarsi lentamente.
Dopo il ritiro delle feste, in qualche modo, sto cambiando i ritmi.
Non che lavori meno. Lavoro e vivo diversamente.
Festina lente. Mi affretto lentamente.
Mi sveglio, vado in bagno, accendo una candelina ed un incenso sull'altare e torno a letto. Mi copro le spalle con una coperta, a mò di mantello e faccio le mie sadhane. Con calma. E' ancora buio e nessun rumore mi disturba, non squilla il telefono, la giornata è come sospesa e la mente è più tranquilla. La meditazione riesce più facilmente (non sempre... però, in generale, viene meglio).
Finite le sadhane mi alzo e metto su il caffè, o il tè, mentre guardo le notizie.
Poi la giornata comincia.
Ma la mente, dopo aver fatto le sadhane, è più limpida e più tranquilla. Affronta le cose meglio.
La sera poi, quando oramai sono troppo cotta per fare altro, ceno leggendo le ultime notizie o un libro rilassante, chatto un poco su fb. Poi mi prendo un libro di Dharma e concludo la serata leggendolo a letto. Chiudendo la giornata con la pratica.

E' un buon modo di tenere sotto controllo l'elefante selvaggio che è la mente. Sono piuttosto soddisfatta di questa routine. Non è invasiva, non interferisce con gli impegni, mi permette di fare di più con minore sforzo. Riuscissi a ficcarci dentro anche una pratica di Tai Ki...ma ancora non ci riesco. Kalé, kalè... non devo farmi fretta...

Nessun commento:

Posta un commento