sabato 5 dicembre 2015

La Stanchezza è Come una Nebbia che Appanna la Mente

Sei stanca. Ma hai un sacco di cose da fare ed il tempo stringe. E ogni due per tre saltano fuori cose nuove da fare che chiedono il tuo tempo ed il tuo impegno.
Ti guardi in giro e non c'è niente che ti faccia sorridere davvero. Anzi, Natale si avvicina, il giorno nel quale le persone sole sono ancora più sole.
Certo, hai la soluzione: farai un piccolo ritiro il 24, 25 e 26. E' una buona cosa.
Oggi hai fatto una torta sperimentale per i flemma, che, a differenza della torta di mele scorsa, è venuta veramente buona. Hai preparato gli ingredienti e domani cucinerai almeno tre piatti nuovi. Sperando che vadano bene. Ma provare si deve.
Ti vengono le crisi di terrore e ti dici che è la stanchezza. E un po'di febbre e non hai dormito stanotte...
Quando pratichi passano.
Guardi la tua vita senza emozione, con un certo ottundimento.
La gattina randagia oramai ha creato una routine nella quale ti sei fatta coinvolgere, come faceva sempre Dario. E cerchi di non sentirti responsabile, cerchi di mantenere le distanze...almeno emotive.
Stai cominciando a raccogliere le scatole senza sapere dove le tue cose andranno. Gli scaffali, mano a mano, si svuotano. E' importante, per definire cosa è necessario avere, anche per il lavoro. Il minimo indispensabile. L'ossatura della tua esistenza. Lo scheletro. Senza fronzoli.

Nel Bodhisattvacharyavatara è detto che il Bodhisattva deve andarsene dal suo paese, perdere le sue radici, Guru Rinpoche dice che anche gli affetti sono una distrazione sul sentiero. Che nascondono l'attaccamento. Ma io non sono un Bodhisattva! E' terribile aver perso ogni radice, ogni identità, ogni sogno... ci sono momenti in cui mi sento davvero male.

E' la stanchezza, lo so, e la febbre, e poi stanotte non ho dormito.

Vado un attimo su fb per mandare un messaggio ai ragazzi e penso a come sono fortunata ad avere con me persone come loro. E mi viene da sorridere.
Penso alla gente che un domani avrà una vita più sana col nostro sistema dieta ed il sorriso si allarga. Sono sempre stanca, ho sempre mal di testa e la mente ottusa dalla stanchezza, però l'umore cupo è sparito.
La stanchezza è come una nebbia che appanna la mente. Non ci si deve identificare con lei. E' solo un fenomeno momentaneo.
Me lo ripeto un po'di volte.

Oggi lavoro alle ricette, senza mettere energia in altre cose, stasera ceno con una zuppa calda e leggo un poco Guru Rinpoche prima di dormire... e domani starò meglio.

Riprenderò in mano le mie giornate, cercando di non farmi troppe domande. E di sorridere.

Nessun commento:

Posta un commento