domenica 8 novembre 2015

Viaggi

E' come se in questi giorni mi stessi staccando da molte cose. Quando viaggiavo con Dario, ogni viaggio cambiava qualche cosa, lui diceva che lasciavamo per strada dei pezzi. Immaginate quando ci spostavamo a vivere da un continente all'altro.
Quando lui mi è mancato ho avuto paura di non riuscire più a cambiare, perché credevo che non avrei più avuto la forza di spostarmi, che mi sarei fermata. Invece mi accorgo che anche restando in questo paesino, arroccata in casa perché lavoro la maggior parte del tempo, sto cambiando.
Ed in questi giorni più che mai. Come se il tempo stringesse e fosse necessario accellerare i tempi in vista di chissà quale evento. O forse nessun evento. Forse è solo che vivere senza Dario richiede un continuo aggiustamento, una continua ricerca di nuovi equilibri.
O davvero sento un grande cambiamento che arriva. Perché ho impacchettato le statue dell'altare. Come facevo sempre quando sentivo avvicinarsi un trasloco...

Nessun commento:

Posta un commento