domenica 15 novembre 2015

L'Elefante Invisibile

C'è un elefante enorme, ma invisibile, che si aggira in occidente. E' molto furbo. Ha lanciato sulla popolazione una quantità di reti di bugie intricatissime ed ha convinto le persone che, se vengono continuamente schiacciate, travolte, impoverite, la colpa è di tutta una serie di nemici ridicoli. Ma se cercheranno con attenzione tra le reti scopriranno la verità, se di tanto in tanto agiteranno la bandiera che l'elefante coi suoi sussurri mediatici suggerisce, presto saranno liberi.
E la gente si affanna a cercare ditrologie, a litigare per il sesso degli angeli, ad agitare bandiere, a cambiare le foto dei profili su fb.
Intanto l'elefante continua indisturbato la sua opera di distruzione, a destra e a manca.
Ci sarebbe un modo molto semplice per smascherare l'elefante.
Basterebbe guardare le realtà con onestà, senza paura, senza odio e malevolenza ed almeno una parte della verità ci balzerebbe agli occhi.
Ma non cercate di capire guardando una realtà lontana e diversa, che non conoscete e non potete comprendere. Guardate intorno a voi. Guardate vicino a voi.
Baterebbe cominciare a chiedersi, per esempio: da quando c'è l'Unione Europea, i popoli europei stanno meglio o peggio? Grecia ed Italia erano famose per il basso tasso di suicidi. Informatevi di come sono messe ora... neanche l'elefante riesce a nascondere completamente dati così macroscopici.
Quando avrete individuato un ente enorme che, ammantandosi di belle parole, di fatto, ha aumentato la povertà e la sofferenza di tanti, il gioco diventa semplice: pensate all'opposto di quello che dice e guardate con sospetto ogni sua parolina mellifua.
Perché lui, l'ente, è un pezzo dell'elefante invisibile.
Quindi anche oggi, dopo l'orrore di Parigi (ma anche dello Yemen, del Libano... della Grecia ridotta a macerie, dei vecchietti inglesi a cui non passano più le medicine perché non è pratico buttare via soldi per curare i vecchi...) guardate cosa chiede l'elefante. E state sicuri che quello che vi chiede è a vostro (e non solo vostro) danno.

Nessun commento:

Posta un commento