giovedì 24 settembre 2015

Vi ricordate Goma?

Goma veniva dal Terai, la fertile e calda pianura nepalese. Era scura di pelle, piccoletta, grassoccia, con un buffo viso rotondo. Le piacevano i gatti, cosa rara per un nepalese, e le piaceva ridere. Si sentiva molto bella e si curava molto.
Girava per la casa e per il giardino con indosso solo i suoi vestitini coloratissimi, di tessuti sintetici leggerissimi che le fluttuavano intorno graziosamente. Le avevamo arredato la casetta, fatto un corredo di vestiti pesanti per l'inverno... e, anche se aveva gradito immensamente la casetta, i vestiti non li metteva mai.
Era sempre livida di freddo (in Nepal le case, anche quelle dei ricchi, non hanno riscaldamento e da dicembre a marzo a volte Kathmandu arriva a 0 gradi). La massima concessione che faceva al clima era un golfino striminzito verde pisello.
Dario ed io le avevamo comperato scarpe, calze, giacche in pile... niente, non li metteva. Ed ogni due per tre aveva mal di gola, febbre, raffreddore.
Quello che ci faceva più impressione, era che, con pochi gradi in casa, girava con i piedi nudi e le infradito. Le scarpe e le calze (pensava che i suoi piedini nudi fossero molto graziosi) le sembravano brutte... Ve lo ricordate?
Finché un giorno l'ho presa e lo ho spiegato che, se non si decideva a mettere calze, scarpe e giacche l'avrei licenziata. Dario ha indorato la pillola promettendole che la prima volta che saremmo andati in Italia le avremmo comperato le sue tanto sognate scarpe color oro... solo se ADESSO avesse accettato di mettere i vestiti invernali.
Il giorno dopo scendo in cucina e c'era Goma con: calze di lana, scarpe chiuse e giacchina di pile. Faccio per mettermi a scaldare l'acqua per il tè e lei, tutta felice, mi dice: "Ma sai signora che vestita così non ho più freddo? Pensa che con le calze ho i piedi caldi."
Mi ricordo quanto, all'epoca, fece scalpore tra i miei lettori lo scoprire che coprirsi quando fa freddo non è un fatto istintivo. Ma si impara, ed entra così in profondità nella mente, che ci sembra naturale. Istintivo, appunto. Invece non lo è.
Qui, nel mio ritiro toscano, a volte penso a Goma (che poi scappò per andare a vivere con un uomo sposato) e mi chiedo quante volte, anch'io, sono come Goma. E non capisco cose che renderebbero la mia vita migliore, a causa della mia ignoranza... 

Nessun commento:

Posta un commento