sabato 29 agosto 2015

Sentiero e Lavoro e Vita... e la Mente

Sono giorni di lavoro intenso, questi, ma anche di bilanci, di domande...
Da quando sono rimasta sola non ho più alibi, non ho più la gentilezza o l'intelligenza o la forza del mio compagno che mi nasconde a me stessa. Non ho più lui che mi aiuta a non sbagliare, che mi indica come proseguire.
Non posso più demandare. Devo fare da me.
Che si tratti dell'impostazione tecnica del lavoro o della pratica, devo fare da me.
Siamo rimaste sole, io e la mia mente, io e la mia pratica, io ed il mio lavoro. E se voglio che le cose funzionino bene devo accendere i riflettori e non lasciare che resti nessuna ombra.
Non c'è più la voce piacevole di Dario che mi indica dove sbaglio. Me lo devo dire io. E per dirmelo devo vederlo, che sto sbagliando.
La mattina quando mi sveglio e la sera quando vado a letto, passo in rassegna le mie motivazioni. Cerco di vedere quelle che mi nascondo, per capire fino in fondo cosa sto facendo e perché. E' così difficile senza di lui. Prendo i miei pensieri e li rigiro per vedere cosa si nasconde dietro di loro. Per scoprire dove veramente mi portano, cosa li genera. Ne va del sentiero, Una buona motivazione apparente può nascondere un verminaio.
Dario mi ha insegnato come fare, ma ci vuole coraggio. Va lasciata a briglia sciolta la mente, senza remore, in modo che mostri cosa nascondeva sotto la patina della falsa bontà, che fa sentire così perfetti, così nel giusto. E' che tante volte ci provo ed ho paura. Allora ci torno e ci ritorno, come una bambina spaventata da una prova troppo grande... poi a volte ci riesco. Ma resta il dubbio se sono davvero riuscita ad andare fino in fondo.
Vorrei vedere la mia mente diventare limpida, come l'acqua di una fonte di montagna, invece mi sembra che sia piuttosto torbida... e da quando Dario se ne è andata sento l'urgenza di fare presto.
La vita è breve e perché abbia significato va vissuta pienamente, con totale consapevolezza, con forza ed impegno. Come un ritiro.
Più di un ritiro. Perché il mio lavoro coinvolgerà altre persone, è diretto a tanti e non posso permettermi di sprecare il loro tempo e le loro energie preziose.
Mi succede anche questo, che comincio a vedere come prezioso il tempo di tutti e ne ho rispetto. Se io rubo un minuto stupidamente a qualcuno, niente e nessuno potrà restituirglielo. Ho rubato una cosa preziosissima. Quindi devo essere rispettosa degli altri e del loro tempo limitato. Quante volte ho sprecato il tempo di Dario. E lui ne aveva così poco...
A volte mi dico che vorrei trovare un altro Maestro, che mi aiutasse nel sentiero. Poi mi rendo conto che lo vorrei per riposarmi, per affidarmi, per cedere almeno parte del mio peso ad altri. Non è una buona motivazione.
Troverò, se lo troverò, di nuovo un Maestro, quando avrò bisogno di qualcuno che aumenti l'intensità della mia pratica. Che mi metta davanti sfide ancora più grandi, che mi stimoli ad andare ancora oltre... per ora sono già abbastanza sotto pressione così.

... spero tanto di farcela...

giovedì 27 agosto 2015

In Ricordo di Dario

Oggi ho trovato il coraggio di leggere il numero di gennaio 2014 di Mandala, la rivista buddhista. E' il  numero in cui parlano di Dario.
Le parole sono di due amici di Dario, e Jacie Keleey è stata l'unica amica che ha scambiato per mesi con Dario email sulla sua pratica nell'ultimo periodo. Non ho avuto il coraggio di leggere questo obituary fino ad oggi. E sono profondamente grata a chi lo ha scritto. Per l'amore ed il rispetto che mostrano a Dario. Per la comprensione di quanto era speciale e unico.
Un grazie dal profondo del cuore a Jon Landaw e Jacie Keeley.


Dario Tesoroni, 61, died in Fagnano Olona, Italy, August 20, 2014, of liver disease
Edited by Jon Landaw from material gathered by Jacie Keeley

The widely beloved Italian Dharma student, translator and former monk, Dario Teseroni, 


passed away after a long illness in the town of Fagnano Olona near Milan, on August 20, 2014. He is survived by Niki, his devoted wife of 20 years.
Dario was born in Milan on January 20, 1953. Although he experienced severe emotional deprivation from the time he was very young – his mother never accepted him as her child and his father died when Dario was only eight years old – Dario eventually managed to overcome these challenges. His ability to do so stemmed from the life-altering event that occurred when he was 20 years old, for it was then that he met the Dharma through his holy gurus: Lama Yeshe and Lama Zopa Rinpoche.
Starting in the early 1970s, Dario spent many years at the newly established
January - March 2015 Mandala 51
Istituto Lama Tzong Khapa in Pomaia. He would often say that those years at the Istituto – immersed in the Dharma and surrounded by the lamas, his friends and the beauties of Tuscany – were the best years of his life. Dario was a skillful translator from English to Italian, and in this capacity he often helped out at Centro Lama Tzong Khapa in Treviso, near Venice, translating for such highly- accomplished lamas as Serkong Tsenshab Rinpoche and Geshe Jampa Lodro, among others.
He also translated for a Tibetan doctor in Milan, and that is where he met his fu- ture wife, Niki. As Niki herself has written recently, “In 1994, I was very sick and Western medicine wasn’t proving effective for me, so I decided to see if the Tibetan doctor then staying in Milan could be of help. Dario was translating for the doctor and that was when I met him for the first time. So in one day I received a cure for my illness, met the Dharma, and found my true love. That was in January and by April we were together.”
Dario and Niki were to remain a devoted couple for 20 years and during that time worked on many projects together. They built from scratch a Dharma jewelry company that became very successful, with some of their creations appearing in many fashion magazines, including Vogue. And in 1998, when they learned that the Chinese government had given permission for the Gangchen Monastery in the Sakya district of Tibet to be rebuilt, they immediately arranged to sell their house in Tuscany to raise money for this project. On January 20 of the following year, on Dario’s 46th birthday, they went to Tibet to begin the reconstruction of this monastery.
In 2013 the couple returned to Italy after spending a year and a half in Colombia. On December 11 of that year he vomited a lot of blood and the
doctors discovered he had contracted the “silent” disease, hepatitis C, which had led to cirrhosis of the liver and then cancer. The doctors said there was nothing they could do for him, so Dario decided to try Tibetan medicine, which is often very effective in dealing with liver disease. At the very least there was the hope that this treatment might give Dario the time to accept his sickness and his death and transform them into the spiritual path. In a letter written June 11, 2014, Dario told a friend, “When I understood that the doctors were thinking I was a goner, I had quite a shock! Immediately meditation on death became quite real. It was quite good, because I had the time and leisure to make peace with my karma.”
Towards the end of his life, Dario’s body came to resemble that of a preta: he was nearly as emaciated as a skeleton, but his abdomen became enormously swollen. Despite the great pain he was in, he would often remark that what he was going through was purification. “Look at my body,” he told Niki. “This is preta karma, and I am offering it. I suffer, but I am able to keep my mind far from the pain.”
In his last months Dario also expressed great concern for his Dharma brothers and sisters. He felt that many of them, while still being Buddhist in name, no longer had faith that the Dharma could really bring about a fundamental and lasting change in their lives. But he knew from the experience he was having how effective sincere Dharma practice could be. Although he was suffering a lot and it was not easy to overcome such pain, he was successful in taming his mind. In this way he was able to defeat death, to make it part of the path. And so when he thought of those friends who seemed to have lost faith in the Dharma’s effectiveness, he became filled with the intense desire to help
them see how precious and powerful Dharma practice could actually be.
Towards the end, although he was in terrible pain, he found the strength to thank all the people who were taking care of him. As Niki wrote a few days after his passing, “Dario was using his last months as a deep Dharma practice. He was already a wonderful man, but at the end his mind was so light, kind, clear and compassionate that he was inspiring love in whoever met him, even in people who only spent a little time with him. And when he finally passed away, all the doctors and nurses of the hospital emergency unit gathered around him, crying. He had touched them so deeply that they repeatedly told me, ‘Thank you, to both of you.’”
The Dharma community on which Dario had relied throughout his adult life was there for him, at his passing. Lama Zopa Rinpoche had written a special mantra for him, and this was placed on his head and kept in front of his eyes. And during his last hours Niki recited his favorite prayer, the “Praise to the Twenty-one Taras.” Then, within 15 minutes of his passing, she was able to call a friend in India whose uncle was a respected lama from Lahaul. This great Vajrayogini practitioner immediately performed powa (transference of consciousness) for him.
Niki wrote the following about Dario, “He was not an easy person in the beginning, but he was charming, intelli- gent and good, and a Dharma guy. But in the last year he had become something different, something really special. He showed me how you can transform life and sickness and death into the path. He did not just tell me this; he showed it to me, and I could see the results with my own eyes.” 

lunedì 24 agosto 2015

Giacomino (3) Abita Qui

Quando mamma era piccola, nel giardino della Nonna Emma c'era un porcospino praticamente domestico: Giacomino.
Passarono gli anni... e nella casa di Verona in un pomeriggio caldo un piccolo porcospino svenuto  per eccesso di calore venne salvato da mamma. Era destino che divantasse Giacomino 2.
All'inizio era un porcospino molto educato, mangiava quello che gli veniva preparato la sera (sono animali notturni) o gli avanzi della Gigia, la mia gatta. Certo, preferiva i biscotti col latte o la carne macinata, ma si accontentava anche dei croccantini.
La sera, quando si cenava in giardino, passeggiava sulle sue gambette storte tra i piedi dei convitati annusandorli e borbottando boh boh boh boh! Cosa che gli valse un'aggiunta al nome: Giacomino Brontolon.
Col tempo prese ancora più confidenza ad entrava in cucina col suo passo un po'dondolante per cercare o chiedere leccornie. Che gli venivano puntualmente offerte.
Poi, divenne sfacciato. Se non trovava abbastanza cibo nel piatto in giardino lo ribaltava e ci saltava sopra gridando ih! ih! ih!!!!! Finchè, purché smettesse, qualcuno di noi usciva e gli riempiva il piatto.
Viveva in una tana tra l'intrico delle radici della magnolia di mamma e. ogni primavera, ci presentava moglie e figli. Forse per educazione ma forse per farci capire che le razioni andavano aumentate...

Ieri ero uscita per fotografare la salvia nata da seme ed ho trovato un porcospino svenuto. Era uscito col nuvolo ed è stato beccato dal sole che è risputato fuori scaldando (troppo per lui) il pavimento di mattoni.
Memore del pronto soccorso per Giacomino 2 gli ho versato vicino dell'acqua, l'ho spruzzato anche leggermente, gli ho messo un piattino basso con dei croccantini e gli ho fatto un po'di pranoterapia. Poca, perché mentre coi cavalli vai tranquilla (una volta la Maria Elisa si è rilassata talmente tanto che è caduta... e poi era vergognosissima), con i piccoli animali devi fare pochi minuti, smettere 20 minuti, di nuovo alcuni minuti e così via...
Gli ho detto anche i mantra di Tara.
Giacomino 3 ha bevuto, mangiato, fatto la cacca, è rimasto a farsi altre due terapie e poi se ne è andato.


Giacomino 2 prima dell'intervento di pronto soccorso

Credevo che se ne fosse andato definitivamente. Invece mezz'ora fa sono dovuta uscire e c'era lui che trotterellava allegro nel cortile. Dopo essersi, a giudicare dal piattino dove metto i croccantini per i gatti randagi, abboffato per bene. Un nuovo commensale :-)
Benvenuto Giacomino!

sabato 22 agosto 2015

Il 20 agosto, la pratica, gli e-books

Aspettavo l'arrivo del 20 agosto con terrore. Pensando che sarebbe stato pure peggio del 20 gennaio. Ho poi scoperto che Lama Monlam era qui ma che era stato molto male. Voglio molto bene a Lama Monlam ed a Tenzin, così ho pensato di non andarlo a trovare per non portargli anche il peso della mia sofferenza.
L'altro giorno, non so perché, mi sono detta: esco a fare due passi. Se incontro qualcuno che ha a che fare con Lama Monlam prendo un appuntamento con lui. Ed ho incontrato subito la segretaria che prendeva gli appuntamenti per Lama.
L'unica data possibile era per il 20 agosto.
E Lama Monlam ha reso il 20 agosto un giorno bellissimo per me. Per molti motivi che non vi posso raccontare. Motivi "tecnici" della mia pratica personale.
Li ho messi subito in pratica ed il risultato è che oggi sono riuscita a capire come impostare i primi e-books.
Erano giorni che ci ragionavo sopra e non riuscivo a decidere come farli. Perché sbagliavo prospettiva. Pensavo in termini di scelta editoriale. Una decisione da prendere freddamente, non energeticamente. Ovvio che, essendo io quella che sono ed il progetto quello che è, la cosa non funzionava. Era come se tentassi la quadratura del cerchio... picchiandoci dentro con la testa...
Invece oggi ho pensato (ieri ero stravolta, non ho lavorato nemmeno un secondo) in termini di beneficiare quanta più gente possibile. Ho generato veramente questo desiderio fortissimo. E subito ho capito come dovevo lavorare.
Mi ci sono tuffata a capofitto ed ora ho i primi 4 e-books per "tutte le Costituzioni Energetiche" impostati. Oggi ho in programma di definire anche introduzioni e tips di lavoro. Domani invece comincerò ad impostare quelli per le varie Costituzioni. Sono veramente contenta. Devo una grande riconoscenza a Lama Monlam e Tenzin.

...e devo dire che anche come "scelta editoriale" questa impostazione è decisamente la migliore!

domenica 16 agosto 2015

Infiniti Piccoli Risvegli

A volte penso che prima di arrivare al Risveglio, quello vero, ci siano infiniti piccoli risvegli.
Da quando sono sola a volte mi sembra di vivere una valanga di successive aperture degli occhi che ogni volta mi costringono ad esercizi di equilibrismo per restare in piedi.
Perché ogni cambiamento è come un terremoto e bisogna cercare di mantenere l'equilibrio. O di riacquistarlo. Dovendo cominciare una nuova vita, sia pure con riluttanza, mi sono trovata a subire parecchi scossoni. Interni ed esterni. Forse anche segreti.
Ed è un continuo scoprire cose ed impegni. Un continuo imparare a vivere. Mettermi alla prova, testare e testarmi. Capire come coniugare la mia pratica con vita immersa nel mondo.
E' fondamentale in questo periodo vivere in questa casa un po'lontana da tutto, tranquilla ed isolata.
Quando guardo fuori e vedo un mondo nel caos.
Dove tutti o quasi non spiegano più, nel rumore assordante che ci circonda, le loro ragioni, ma le urlano.
Dove la bellezza dell'essere umano si perde in un marasma di odio, arroganza e di paura che rende brutti quasi tutti.
Dove quelli che hanno torto e quelli che hanno ragione si confondono e si intersecano in un caos di menzogne, di ignoranza e di follie che non ha mai avuto una simile intensità nella storia del mondo.
Mi guardo intorno, apro le notizie, faccio un giro su fb e mi sembra di guardare un incendio. Fiamme, fumo, urla... che piano piano si propaga e prima o poi raggiungerà anche le villette di chi si crede al sicuro.
Mi fanno pena tutti. Quelli che patiscono già, quelli che patiranno e quelli che hanno provocato l'incendio per malizia e sete di potere. Perché nell'armonia della legge del karma il tempo è l'unica differenza. Chi patisce, in passato, ha fatto. E chi fa del male, in futuro, patirà. E' la nostra visione limitata che ci distoglie da questa grande verità.
E mentre ascolto il rumore del mondo, o mentre vengo ferita da qualche cosa, o spaventata dall'ennesimo problema apparentemente insormontabile, nella mente sorge spontanea l'immagine della copertina del mio blog. L'Himalaya. Il silenzio, l'energia leggera, il cielo così buio la notte, senza strade illuminate, senza città. Il silenzio della pace della mente.

Ma ora ho il progetto da portare avanti. Prima di meritarmi il ritiro devo realizzare questo impegno. Realizzarlo e renderlo vivo, attivo, importante. Quando si sarà realizzato tutto, allora potrò girare le spalle al mondo come il Purun Bhagat del Libro della Jungla e prendermi il mio riposo.

venerdì 14 agosto 2015

Non è che...

A tutti quelli che lamentano che non sono più così disponibile, che sono fredda, che sono scomparsa, che non mi faccio viva... gente, sto lavorando come un mulo.
E se un giorno mi rallegro perché ho più energia, siate sicuri che il giorno dopo nel primo pomeriggio l'ho già esaurita. E comunque, per la maggior parte di voi, quella che a me sembra "tanta energia", se la provaste, vi sentireste come se foste convalescenti dall'influenza.
Sarebbe bello potermi occupare a tempo pieno delle persone. Prendermi cura delle persone  è la cosa che so fare meglio.
Ma purtroppo, o per fortuna, devo trovare un modo per mantenermi.
A volte valuto una possibile strada da fare, poi, per qualche ragione seria non mi convince e la mollo. Non cambio idea per capriccio, non decido in base all'umore del momento. Valuto sempre con molta attenzione, nella misura in cui sono in grado di farlo, che scelte fare.
Ma, a volte, per capire bisogna provare.
Per me non è uno scherzo,  si tratta da un lato della mia sopravvivenza, dall'altro di un impegno spirituale.
Non posso perdere tempo o energia. Perché non ne ho.
Quindi non è che non vi voglio più bene o che sono scomparsa.
Sto lottando per sopravvivere (della seria pagare le bollette, il cibo, i vestiti...) e per proseguire con il mio sentiero spirituale. Insieme.
Non è semplice. Richiede molto impegno, attenzione ad ogni aspetto di quello che faccio e controllo continuo delle motivazioni, degli aspetti anche più insignificanti del lavoro e della mia vita.
Quindi non è che ho smesso di volervi bene. Sono solo tremendamente impegnata.

giovedì 13 agosto 2015

Con rinnovata energia

Valentina è rimasta a casa mia tre giorni. Siamo molto amiche e ci capiamo. Così è facile per noi avere ritmi di vita che armonizzano bene.
Ci capiamo e così rispettiamo i nostri dolori, i momenti tristi e condividiamo le risate e le chiacchierate serie.
Per la prima volta da due anni sono riuscita a riposare la mente. A staccare. Anche se mi sono un po'stancata fisicamente non ha alcuna importanza, la stanchezza fisica si supera con una giornata di riposo. Quella mentale si trascina giorno dopo giorno come una zavorra insopportabile.
Infatti oggi, anche se sono stanca, ho la mente fresca.
Non solo. Adesso so che è di nuovo possibile, per me, riposare la mente. Che se ci sono riuscita questa volta grazie alla presenza vitale e gentile di Valentina, ci riuscirò ancora. E questo è molto importante anche per il progetto.
Avere persone di cui ci si fida ed a cui si vuole bene, con le quali si è a proprio agio, è la cosa più preziosa del mondo. Avere amici veri è un regalo senza pari. Anche nel buio del dolore l'amicizia vera accende una luce. E dà forza. Aiuta a riprendere il camino con rinnovata energia, perché l'affetto è il sostegno dei cuori gentili.

sabato 8 agosto 2015

Non so voi, ma io...

Non so voi, ma io ho bisogno di una storia per cui spendere la mia vita.
Sono sempre stata così. Ho sempre avuto bisogno di storie che diventavano vere.
La storia di una mamma magica che vedeva oltre le ombre del futuro.
La storia di un papà ritrovato.
La storia di un amore così grande da superare i confini della morte.
La storia di una medicina antica che mi ha salvato la vita.
La storia di un uomo che ha superato tutte le sue paure ed se ne è andato vittorioso.
La storia di un sentiero che porta all'Illuminazione.
La storia di un lavoro da inventare da zero, con impegno, sacrficio, gioia, senza farsi fermare da niente, insieme ad amici che la condividano.
La storia, tutta da costruire, di un impegno ascetico in mezzo al caos del mondo.

Mi piacciono le storie. Quando diventano vere. Anche se fanno piangere. Anche se non sono facili. Anche se a volte fanno paura. Ma ti mantengono viva e ti mostrano il sentiero.

giovedì 6 agosto 2015

Limiti

Ognuno di noi ha i suoi limiti. E' giusto cercare di superarli, ma va fatto volontariamente e gradualmente. Dobbiamo capire i nostri limiti. Capire che forzarsi sempre non è giusto e che porta cose negative.
Per me, in questo primo anno da sola, è stato un continuo sbagliare. Quando eravamo in due potevo anche forzarmi, spingermi oltre il sopportabile. E lo facevo spesso. Perché se cadevo mi rialzava Dario.
Adesso se cado resto in terra.
Così, umilmente, devo imparare fino a dove posso arrivare. Quanto posso pretendere da me.
Mi sono sentita cento volte stupida. Ma adesso, finalmente, dopo l'ultima rovinosa caduta, ho capito che non posso chiedermi più di tanto. Che non posso sopportare quello che per me è insopportabile perché gli altri se lo aspettano da me.
Sbaglio? Dovrei essere diversa? Questo è un mio limite. Non ne sono orgogliosa, non penso che sia giusto, non mi aspetto che nessuno si adegui. Mi ci adeguo io. Perché oltre quel limite io crollo e mi viene voglia solo di morire.
E quando mi viene voglia di morire, in questa casa solitaria, non si alza la voce di chi mi ama per fermarmi, per darmi sostegno, per darmi amore. Le voci dei miei cari ed i loro echi sono spente da tempo. C'è solo il silenzio. E quando vuoi morire, il silenzio è una sirena che ti attira verso il buio.
Fin'ora la pratica del Dharma mi ha dato la forza di reagire. Ma fino a quando?
Meglio imparare i miei limiti. Mettere dei paletti. Imparare a rispettarli.
Devo rispettare i miei paletti e chiudere la porta per difendermi. Devo farlo io. E' una mia responsabilità. E non importa se gli altri non capiscono. Loro non sono me. Non vivono la mia vita, non hanno il mio bagaglio di esperienze. Hanno la loro vita e le loro esperienza, che possono essere compatibili con le mie. Ma anche no.
Non capiscono la profondità del mio dolore, la violenza del mio star male, il vuoto spaventoso che è la mia esistenza? Possibile. E' difficile capire quello che non si è mai provato. E comprensibile. Lo rispetto.
Ma io sono io e loro sono loro. E le mie esigenze hanno diritto di esistere tanto quanto le loro. Non perché sono migliori. Ma perché sono giuste per me. Ed a 55 anni ho finalmente capito quello che Dario e mia mamma hanno cercato di spiegarmi per tutta una vita: che non posso annullarmi negli altri. Perché non è giusto.
Posso amare gli altri, ammirarli, provare compassione per loro, posso desiderare di aiutarli, posso disapprovarli...ma devo rispettarli e rispettare anche me stessa.
Speriamo che scrivere queste cose mi incoraggi a mantenere i buoni propositi :-)

mercoledì 5 agosto 2015

Stanca ma...

Ho finito le mie medicine. E quindi, per quanto faccia attenzione a cosa mangio e cerchi di calibrarmi, non è una situazione semplice.
Poi a volte capita che per qualche accidente la mente ceda e il corpo la segue subito! Solo che mentre riportare la mente in bilanciamento è, relativamente, più facile, quando va fuori squadra il corpo, non avenedo le mie medicine... è dura.
Pazienza.
Però vado avanti con il lavoro. Non spedita, purtroppo, quando sono stanca e la mente annaspa, ma in qualche modo proseguo.
Non pensavo che avrei avuto un'estate così tosta. Temo di essere sempre ottimista sulle mie capacità di resistenza. Mi ricordo come ero prima.
Però non mollo.
Ho anche fatto un piccolo upgrade alle mie pratiche quotidiane. Per reggere. Sembra un controsenso, aumentare gli impegni per reggere, ma in questo caso è di aiuto.
Quindi, se scrivo poco, se sono molto assente, non preoccupatevi. Sono solo stanca. Ma vado avanti.