giovedì 18 giugno 2015

In Bilico

Quando una coppia è molto legata si crea un'interconnessione fortissima, un equilibrio sia all'interno che nell'azione verso l'esterno. Con gli anni ci si assesta e sembra l'unico modo per vivere. Chi è più fragile (io) rimane defilato e dà stabilità e calore, l'altro, quello tosto ed organizzato (Dario), affronta l'esterno.
... e poi sono rimasta sola.
E devo ritrovare un mio modo di interagire col mondo.
Ogni giorno la necessità di riprendere a vivere si scontra con il rimpianto, la nostalgia, il vuoto dentro da un lato, e la paura di rimettermi in gioco adesso che non sono più giovane, che ho poca energia, che mi sento più fragile che mai, dall'altro.
Non so quanto valgo senza di lui, quanto so fare, fino a dove posso arrivare. Non mi riconosco più. Devo tornare ad essere una e capire chi è questa donna dagli occhi grandi e scuri che mi guarda dallo specchio e cosa sa fare.

Non devo cedere. Se cedessi avrei tradito tutto: Dario, il Dharma, me stessa.
Devo farcela. Superare le mie paure, i dubbi le difficoltà, le fragilità, ed andare avanti.
Trovare la forza dove non c'è, farla crescere, darle spazio. Prendere ogni giorno come una sfida da accogliere per imparare qualche cosa, per crescere un poco. Costringermi a riprendere il cammino, perché le scelte sono solo due: regredire o andare avanti. Non badare a quando mi sento confusa, stanca, spaventata, ma rialzare la testa e guardare la strada che ho davanti per capire che direzione prendere. E poi imboccarla, senza tentennamenti, per andare dove credo giusto.

Oggi è uno di quei giorni in cui affronto le mie paure, i miei fantasmi e la mia solitudine. Un giorno nel quale, mettiamola così, ho un'occasione di conquistare me stessa.

3 commenti:

  1. Più ti conosco e più ti stimo, ti ammiro, ti apprezzo.
    Marina B.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Marina B. non c'è niente da ammirare in una persona fragile e spaventata che cerca di rimettersi in piedi in qualche modo, ho scritto questo post per onestà, perché è giusto mostrare anche le debolezze, così, altre persone come me, si consolano... Le persone da ammirare sono altre.
      Però... grazie per l'affetto! <3

      Elimina
  2. edda spallanzani22 giugno 2015 00:47

    Come ti ho già scritto, sei meravigliosa !!! questa tua condivisione è di grande aiuto a tutti noi che ci sentiamo capiti in momenti difficili della nostra vita, ci sentiamo meno soli e come hai detto tu, la condivisione ci rende tutti un pochino più forti....condivido le parole che ti ha scritto Marina.

    RispondiElimina