domenica 17 maggio 2015

Lucertole e gechi (un'ora tranquilla)

Ho preso un'ora di sole nel mio cortile, in compagnia di tante lucertole scattanti grandi e piccole e di due gechi lenti e curiosi.
Il più grande mi si è avvicinato e mi guardava fissa con i suoi occhietti, senza nessuna paura. Forse sapeva che a me, i gechi, piacciono.
Dopo un poco il sudore mi scorreva sulla pelle e la mente aveva rallentato il ritmo dei pensieri, intontita dal calore.
Il libro è rimasto dimenticato sulla sedia.
Avevo messo una musica di liuti di sottofondo ed il calore del sole mi penetrava sotto la pelle per sciogliere un po' del gelo che ho dentro.
Mi coccolava il profumo quasi da incenso delle foglie di salvia, stropicciate dalla pioggia dei giorni scorsi e le api che ronzavano, irresistibilmente attirate dalla massa azzurrina dei suoi fiori.

Un'oretta tranquilla.

Nessun commento:

Posta un commento