domenica 26 aprile 2015

Il mio cuore al Nepal

A volte incontri un uomo o vai in un paese. Non è amore a prima vista, o forse si, forse lo è, ma tu non te ne accorgi.
Passa del tempo. Un giorno ti alzi e scopri che ami questo uomo... o questo paese. Con i suoi pregi ed i suoi difetti. Che ti ricambi oppure no. Che ti faccia felice o ti faccia soffrire. Che ti tradisca o che ti sia fedele.
Il Nepal è un mio amore.
Ho vissuto intensamente gli anni nepalesi. Sono stati anni difficili ma mi hanno fatta crescere, mi hanno cambiata, mi hanno resa forte. Mi hanno fatto entrare in profondità in una cultura per me aliena, in abitudini per me strane, finché il mio amore non ha accolto tutto.
Non è stato un amore facile. Tutt'altro.
Le cose facili valgono poco e lasciano tracce leggere, che il tempo spazza via. Le cose importanti richiedono tempo e cure, impegno e amore, accoglienza e comprensione. A volte anche dolore e paura.



Lo Stupa di Swayambhunat dopo il terremoto


E' passato del tempo e il dolore e la paura sono diventati come una sfumatura scura nel quadro del ricordo. Quello che, invece, si mantiene vivo è l'amore, è la ricchezza che questo amore mi ha dato. E' quello che io sono diventata grazie a questo amore ed a questo dolore.
Le albe passate a guardare i campi di riso dietro casa, le risate delle donne che stendevano i sari dai tetti, i giri a Patan per le statue, Tashi che mi accompagnava dal medico, Karana che studiava inglese con Marina davanti al caminetto acceso, io che tiravo piatti ai maoisti, Dario che, in cima al camion, vinceva contro la mafia di Tamel, le core allo stupa di Bouda, Minod che tornava al villaggio con la morte nel cuore, il dalit che ci ha traditi, Raju il falegname bihari...  una sfilata di storie e di persone che hanno cambiato per sempre la mia mente ed il mio cuore.

Nella vita, a volte, incontri un uomo... o vai in un paese. Credi che sia una cosa come un'altra e invece è uno spartiacque. Varcata quella soglia non sarai mai più la stessa.
Il Nepal è stato uno dei mie spartiacque più importanti.

Pray for Nepal!

3 commenti:

  1. Ho pensato a te in queti giorni. Ti ho cercata e ti ho ritrovata. Un abbraccio affettuoso e preghiamo tutti per il Nepal.
    Chiara

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina