lunedì 20 aprile 2015

Il Difficile Training per Essere Felici

Ieri stavo per diventare nervosa.
Alvaro non si era portato aiuti ed i mei 7 mobili sono pesanti... il vento era freddo e stava cominciando a piovere fitto... trasloco con la pioggia = scatole bagnate e case luride.
Ho sentito la tensione montare (che già i traslochi mi rendono nervosa), ma, non so per quale fortuna, subito mi sono chiesta: a cosa serve se sto male?
E mi sono imposta di rilassarmi.
Piove? Pazienza, l'importante è traslocare. Alvaro non trova aiuto? Traslocherò domani. Non ci posso fare niente, stressarmi mi danneggia soltanto.

Nel frattempo Alvaro era partito alla ricerca di aiuti.

E' tornato con un ragazzo gentile, giovane giovane e palestrato. Uno dei suoi accoliti che si interessano di tutto quello che è esoterico sotto il cielo: dai Rosacroce, al Buddhismo agli sciamani mongoli. Un filino arrogante, ma a quell'età è permesso. E' segno di vitalità. E poi credi ancora che la vita con te sarà gentile. Almeno un poco.
Ha lavorato duro, come Alvaro, anch'io ho lavorato duro. Intanto la pioggia ha smesso di cadere.
Mi sono trovata, in mezzo al trasloco, con le braccia indolenzite dal portare scatoloni, a ridere e fare domande. Mi sono trovata a godermi il trasloco. Come se fosse una vacanza.
La gentilezza un po'agitata di Alvaro, l'arroganza rispettosa del ragazzo, le frasi di spagnolo che ci siamo scambiati. La bilancia energetica delle due case che cambiava ad ogni giro col Pick-up.
Certo, ieri sera poi ero stanca morta. Ma è stato bello.
E' stato bello perché io avevo accettato che potesse esserlo.

La gente crede che l'emotività sia la cosa più importante. Ma l'emotività è la malattia dell'ego. Se ti liberi dall'emotività non diventi freddo. Tutt'altro. La tua mente rimane nel benessere più assoluto.
Non smetti di amare. Senza l'altalena delle emozioni malate, il tuo amore viene purificato dalla sofferenza e resta solo la parte gioiosa, affascinante, profonda, inenarrabile.
L'ego distrugge la gioia. Non la crea. La avvelena sottilmente.

Vorrei riuscire a mantenere questa mente leggera, gioiosa, sempre.
Anzi, no, voglio arrivare ad avere sempre la mente così. Si sta troppo meglio!

Nessun commento:

Posta un commento