venerdì 13 febbraio 2015

L'Avventura è dietro l'angolo

Ero una ragazzina, era una solare domenica estiva, ed ero ospite in una bella casa di vacanze sul lago. Ascoltavo le chiacchiere del dopo pranzo degli zii e, all'improvviso mi prese un'angoscia tremenda nel sentirne la vuotezza.
Mi venne il terrore di diventare come loro da grande, di avere una vita altrettanto noiosa, priva di scopi. Mi vidi dinnanzi una serie infinita di domeniche estive prive di senso. Dietro la facciata... profondamente tristi.
Non ho mai dimenticato quella giornata.
Ho sempre avuto paura di finire intrappolata nella noia devastante della routine. La routine del lavoro, della casa, del matrimonio, della pratica del Dharma finché tutti i colori ed i sapori sbiadiscano nel grigiore.
Non mi è mai successo.
Poi ho avuto paura di essere stata azzerata dal dolore, di essere diventata una pallida copia di me stessa. Incapace di reagire, abbandonata in un angolo polveroso, lontana dalla vita. Con la pratica oramai ridotta ad una ripetizione vuota di mantra e di rituali.
Ho dovuto passare attraverso l'inferno per capire che in ogni momento ci viene data la possibilità di scegliere e che solo io potrei condannarmi al limbo di una non vita.

Solo io potrei distruggere la mia pratica e la mia vita e ridurle ad un contenitore del nulla.

Sarà il costante impegno della mia vita, non importa quanto spaventata e sofferente possa essere, anche in memoria di coloro che mi hanno insegnato il valore del coraggio, dell'impegno e dell'amore,  non arrendermi mai, lottare sempre per quello in cui credo, per mantenerlo vivo, per mantenermi viva.
L'Avventura è dietro l'angolo. Basta avere il coraggio di andarci.


Nessun commento:

Posta un commento